TTIP: Accordo commerciale e per gli investimenti in corso tra UE e USA

empire-state-building-415479_1280
Sembra un nuovo protocollo di comunicazione invece è la sigla del Partenariato Trans-atlantico per il commercio e gli investimenti tra Europa e USA.

Il TTIP è un accordo commerciale e per gli investimenti che è attualmente in corso di negoziato tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti.
Le discussioni sono iniziate a luglio 2013.
E’ stato progettato per incoraggiare la crescita e la creazione di posti di lavoro.

Ha l’obiettivo di rimuovere le barriere commerciali in una vasta gamma di settori economici per facilitare l’acquisto e la vendita di beni e servizi tra Europa e Stati Uniti.
Fonte: http://ec.europa.eu/trade/policy/in-focus/ttip/index_it.htm.

Le relazioni commerciali fra gli Stati Uniti e l’Unione Europea son tra le più rilevanti al mondo, ed ogni giorno vengano scambiati beni e servizi pari a 2 miliardi di euro.

Esiste un gruppo consultivo TTIP (di carattere informale e temporaneo e i cui membri operano su base volontaria e gratuita) che si è riunito regolarmente da quando è stato costituito nel gennaio 2014 con l’obiettivo di fornire ai negoziatori dell’UE la consulenza di esperti su vari aspetti del TTIP, per esempio in merito alla coerenza normativa, ai settori interessati, allo sviluppo sostenibile…

I punti su cui intervenire sono molteplici, dalle barriere doganali ai regolamenti tecnici alle norme/procedure di omologazione (es. per un’auto). A volte le normative sono molto simili, ma doversi adeguare a regolamenti/norme sia in un continente sia in un altro implica un aggravio in termini di tempo e denaro per le società che vogliono vendere i loro prodotti su entrambi i mercati.

Un altro vantaggio del TTIP sarebbe la riduzione della burocrazia.
I regolamenti sono atti normativi che proteggono i cittadini da rischi x la salute, la sicurezza, l’ambiente e la sicurezza finanziaria. Lo scopo è rendere + compatibili i regolamenti garantendo una sempre adeguata tutela ai cittadini. Come? O riconoscendo che alcuni regolamenti hanno lo stesso effetto o facendo un adeguamento comune dei regolamenti a delle soluzioni concordate a livello internazionale (standard globali), oppure intensificando la cooperazione tra le autorità di regolamentazione.

Citando dalla pagina: http://trade.ec.europa.eu/doclib/press/index.cfm?id=918,
le stime indicano che ogni anno una famiglia media europea potrebbe ricevere benefici pari a € 545, e indicano che questa partnership potrebbe far aumentare:
– L’economia europea di €119 billion a year – €120 miliardi annui;
– L’economia americana di €95 billion a year;
(una volta che l’accordo sia attuato pienamente).
Anche l’economia del resto del mondo crescerebbe di conseguenza.
Le esportazioni EU verso US crescerebbero di un 28% ed aumenterebbero comunque le esportazioni UE e US verso tutti.
L’ economia europea riceverebbe uno stimolo pari allo 0.5% del PIL.




scritto da Monica Cordola